Archivi della Resistenza - Circolo Edoardo Bassignani
home l'associazione news la storia eventi gli archivi discussioni links contatti


Fino al cuore della rivolta



Storia
CB Login

 

home arrow la storia arrow Incontro di generazioni sotto i castagni

INCONTRO DI GENERAZIONI SOTTO I CASTAGNI
Ivan Della Mea

Fosdinovo. Dall'1 al 4 agosto, e anche prima, e anche dopo già lo so, ho dato il mio contributo all'organizzazione di una serie di attività «fino al cuore della rivolta». Fatica di mente e di braccia dei giovani degli Archivi della Resistenza - Circolo Edoardo Bassignani. Dovessi dare conto dei patrocinanti e contribuenti a vario titolo, dalle sezioni Anpi della zona alla Regione Toscana ai vari Comuni, alle associazioni istituzionali e non abbisognerei di troppe righe manifeste: insomma, s'era in tanti, ma il merito primo di tutto l'ambaradam tocca a Simona, Lucia, Alessio, Luca, Cesare e i giovani, alcuni giovanissimi volontari dell'«Associazione Culturale Blanca Teatro». L'Istituto Ernesto de Martino ha dato il suo. Personalmente ho avuto tre grandi regali, di quelli davvero belli: ho conosciuto e subito è stato affetto Paolino Ranieri, 96 anni, partigiano combattente, sindaco di Sarzana per 25 anni e lui mi ha detto ti leggo sempre e quasi sempre sono d'accordo ma non dici mai alla fine che cosa si dovrebbe fare. Qualche volta l'ho anche detto gli ho risposto e ora altro dirò in queste righe. E poi, Luigi Fiori, mani d'oro, partigiano di 89 anni, pronto a discutere con chissisia; e Laura Seghettini partigiana combattente che mai ha smesso né smetterà di resistere a 86 anni: tre regali che fanno conoscenza e coscienza e che danno aria alla mente e al cuore. E, ancora, convegni sulla storiografia orale e documentale con Cesare Bermani e Giovanni Contini e Alessandro Casellato e Angelo D'Orsi ed Eros Francescangeli e Angela Persici dell'Istituto Pedagogico della Resistenza. E, ancora, concerti con Cisco, BandaJorona, Apuamater Cyberfolk, Zuf de Zur, Daniele Sepe, Marco Rovelli LibertAria e lo scrivente con l'aiuto prezioso di Davide Giromini a far da prezzemolo e se qualcuno dimentico non se l'abbia a male. Di riffa e di raffa di Resistenza sempre si è parlato con l'urgenza diffusa di dirci che cosa significa resistere oggi, perché oggi resistere tocca perché il fascismo c'è e c'è il razzismo.

Image
(Ivan Della Mea e Paolino Ranieri, foto di Monia Fossile)

Ci si disse che lottare e resistere e se necessario attaccare si deve, a oltranza, perché il manifesto e Liberazione devono vivere e quindi, cari compagni manifesti e liberatori, dovete dirci che cosa insieme possiamo fare subito. Ci si disse lì sotto i castagni secolari e testimoni che la Costituzione è sacra e intangibile e che in quanto tale va difesa a oltranza con tutti i mezzi. Ci si disse che gli Istituti Storici della Resistenza e del Risorgimento e gli Istituti Gramsci vanno difesi culturalmente e fisicamente. Di mio aggiungo che anche l'Istituto Ernesto de Martino va sostenuto e difeso «fino al cuore della rivolta». Ci si disse, e qui si propone con forza, che l'Arci dovrebbe rimettere ben stampata su tutte le tessere la scritta d'antan e cioè che è un'associazione democratica e antifascista e antirazzista: a Paolo Beni a Francesca Chiavacci ai dirigenti tutti chiediamo che nella tessera 2009 compaia questa scritta che fa cultura e impegno. Ci si disse, ci siamo detti ed è stato un dirsi di non so quante generazioni: dai 96 anni di Paolino Ranieri ai tanti giovani e giovanissimi. Certo, come è stigmatizzato dal manifesto e da tutta la propaganda della quattro giorni fosdinovese, gli scarponi in primo piano sono consunti, rotti. Ebbene, 65 anni fa la gran parte dei partigiani cantava «scarpe rotte eppur bisogna andar»; le scarpe, quelle, oggi sono certamente più rotte e consunte eppure tocca andare. Ancora. Ora.
(il Manifesto, 8 agosto 2008)


< Precedente   Prossimo >



| area riservata | mappa del sito |
Concept and Design Webag.it
Archivio Video Archivio Video Archivio Video Archivio Video