Archivi della Resistenza - Circolo Edoardo Bassignani
home l'associazione news la storia eventi gli archivi discussioni links contatti


Fino al cuore della rivolta



EVENTI
CB Login

 

home arrow eventi arrow L'Antigone di Berlino. Una storia di Resistenza

Quest'anno in occasione della Giornata della Memoria, Archivi della Resistenza ha organizzato un doppio incontro a Carrara e a Pisa, dedicato alla Resistenza al nazismo delle donne tedesche, attraverso una lettura scenica – a cura rispettivamente dell’Associazione Strade Varie e Teatri della Resistenza – tratta dal racconto di Rolf Hochhuth “L'Antigone di Berlino”. Partecipa la curatrice dell'edizione italiana Sotera Fornaro


Archivi della Resistenza – Circolo Edoardo Bassignani

In occasione della
Giornata della Memoria 2010
presenta


Esercizio di Memoria # 1
Image

L’Antigone di Berlino
Una storia di Resistenza

Martedì, 26 gennaio 2010, ore 18.00
Ridotto del Teatro Animosi di Carrara (MS)

Lettura scenica di
Soledad Nicolazzi (Ass. Culturale Stradevarie)

Franca Pampaloni
(fisarmonica)

dal racconto

Rolf Hochhuth, L’Antigone di Berlino (Via del Vento, Pistoia 2008)

Interviene
Sotera Fornaro (Letteratura greca, Università di Sassari)
curatrice dell’edizione italiana


Con il patrocinio di/ In collaborazione con
Archivi della Resistenza - Circolo Edoardo Bassignani, ANPI Carrara, Comune di Carrara, Provincia di Massa Carrara, Contatto Radio Popolare Network, Comitato Sentieri della Resistenza


Image

INGRESSO LIBERO

Info: 329/0099418, 340/3935105

info@archividellaresistenza.it



Esercizio di Memoria # 2
Image

L’incontro sull’“Antigone di Berlino” si inserisce all’interno dell’iniziativa del Cinema TeatroLux

R-Esistenze in Movimento
libertà e partecipazione sui sentieri resistenti del nuovo millennio
progetto annuale di memoria e libertà alla ricerca di aria pulita



L’Antigone di Berlino
Una storia di Resistenza

Mercoledì, 27 gennaio 2010, ore 19.00
Cinema TeatroLux, P.zza Santa Caterina, 6 - Pisa

Lettura scenica di
Dario Focardi e Simone Faucci (Teatri della Resistenza)

Davide Giromini
(fisarmonica)

dal racconto

Rolf Hochhuth, L’Antigone di Berlino (Via del Vento, Pistoia 2008)

Interviene
Sotera Fornaro (Letteratura greca, Università di Sassari)

curatrice dell’edizione italiana


ore 21.30
Apuamater in concerto
Ingresso 3


Con il patrocinio di/ In collaborazione con
ANPI Pisa, Comune di Pisa, Cinema Teatro Lux – Luogo dei Mutamenti,
Teatri della Resistenza, Archivi della Resistenza - Circolo Edoardo Bassignani


Image


Info:
ANPI Pisa 340/4940131 (Dario)

opp. AdR: info@archividellaresistenza.it, 329/0099418



Scheda dell’evento

Le foto della locandina sono quelle della Gestapo al momento dell’arresto, e per la maggior parte delle donne raffigurate si tratta dell’ultima loro immagine. Così per Rose Schlösinger, decapitata il 5 agosto 1943 nel carcere berlinese del Plötzensee, come appartenente al gruppo di Resistenza berlinese chiamato spregiativamente dai nazisti  ‘La cappella rossa’. 120 persone furono arrestate con l’accusa di far parte di questo gruppo, che non era una vera associazione, né una struttura di alcun tipo. Un terzo dei membri della ‘Cappella rossa’ furono donne, diversissime per estrazione sociale, cultura, età, religione. Non tutte si conobbero tra loro.  Il primo piano del tristemente famoso presidio di polizia di Prinz-Albrecht-Strasse, raso al suolo durante la guerra, e dove ora c’è un cantiere per un monumento alla memoria, servì da carcere femminile subito dopo gli arresti. Ma le donne ritenute particolarmente pericolose furono subito portate in isolamento nel carcere di Charlottenburg; per altre il cammino che andava dalla sede della Gestapo al Plötzensee, dove c’era la ghigliottina, fu ancora più complesso: cambiate di prigione, tenute nelle celle in alto, non a riparo dai bombardamenti, senza alcun contatto con l’esterno, private dei loro bambini, quando li avevano partoriti in carcere, restarono in attesa di processi farseschi e di una grazia che non fu concessa a nessuno. L’ultimo viaggio era verso il grigio capannone del Plötzensee, dove il meccanismo dell’esecuzione durava circa dieci minuti a testa.  Di quelle donne abbiamo lettere e bigliettini, nascosti tra la biancheria, nelle pagine dei libri, portati fuori con grande rischio anche da alcuni sorveglianti, atterriti dal trattamento riservato alle prigioniere, alcune neppure ventenni. Di tutte queste donne andrebbe raccontata la storia individuale, e ricercate le ragioni della loro coraggiosa adesione alla Resistenza, e le forme in cui essa avvenne: per alcune, si trattò di una scelta comune con il proprio compagno di vita, come per l’americana Mildred Harnack, l’aristocratica Libertas Schulze-Boysen, o Hilde Coppi. Nessuna di queste biografie è più esemplare di un’altra.  La vicenda di Rose Schlösinger, che non fu un esponente di spicco del gruppo, sarebbe rimasta sepolta nel trauma della figlia e nelle carte di famiglia, se uno scrittore tedesco, divenuto famoso per i suoi attacchi al silenzio della chiesa cattolica, non l’avesse posta sullo sfondo di una sua prosa letteraria. Ed è da questa prosa che comincerà il nostro cammino verso il ricordo delle donne della Resistenza a Berlino.  

 

 

< Precedente   Prossimo >



| area riservata | mappa del sito |
Concept and Design Webag.it
Archivio Video Archivio Video Archivio Video Archivio Video