Archivi della Resistenza - Circolo Edoardo Bassignani
home l'associazione news la storia eventi gli archivi discussioni links contatti


Fino al cuore della rivolta



EVENTI
CB Login

 

home arrow eventi arrow Ricordo di Edoardo Bassignani, comandante «Ebio» a Merizzo (MS)

Ricordo di Edoardo Bassignani, comandante «Ebio» a Merizzo (MS)


ANPI Villafranca Bagnone
e Archivi della Resistenza - Circolo Edoardo Bassignani hanno organizzato per sabato 3 febbraio alle ore 10.30, presso il Centro di Documentazione sull’Antifascismo e la Resistenza in Lunigiana di Merizzo (MS), la commemorazione del sessantaduesimo anniversario della morte di Edoardo Bassignani «Ebio». Parteciperanno alla manifestazione le partigiane e i partigiani in rappresentanza delle varie sezioni locali dell’ANPI di Massa Carrara e interverranno Paolino Ranieri "Andrea", Commissario politico della Brigata “Ugo Muccini” (ANPI Sarzana) e Luigi Fiori, Comandante “Fra’ Diavolo” (ANPI Lerici).

Image

All’alba del 3 febbraio del 1945 a Merizzo in Lunigiana viene catturato e ucciso dagli alpini della “Monterosa”, sotto gli occhi della madre e dei paesani, Edoardo Bassignani il mitico «Ebio»: figura di spicco dell’antifascismo locale. «Ebio», che nel 1937 era già stato arrestato per il suo tentativo di arruolarsi nell’esercito repubblicano spagnolo e mandato al confino politico nelle isole Tremiti, dopo l’8 settembre sarà uno dei principali organizzatori della Resistenza locale, diventando prima comandante della Brigata Garibaldi “Leone Borrini” e poi ispettore di zona per conto del Partito Comunista Italiano. In Lunigiana la memoria del comandante «Ebio» è ancora viva tra la gente e il ricordo delle sue gesta hanno tutto il sapore della leggenda. L’uccisione avvenuta nel centro del paese ha poi lasciato un segno di indelebile commozione nella memoria di questa comunità, e tutti ancora ricordano la rabbia e il senso di sfida che accompagnò la celebrazione dei funerali, quando qualche giorno dopo i partigiani scesero, armati, dalla montagna pronti a tutto pur di dare una degna sepoltura al loro comandante, divenuto emblema del sacrificio di tanti giovani in nome della Libertà.

Image

Archivi della Resistenza ha guardato sin dalla sua nascita a questa bellissima e drammatica storia, dedicando a «Ebio» e agli ideali che egli incarnava, il nome dell’associazione. Sin dall’estate del 2004 AdR ha avviato una campagna di interviste sulla storia della Brigata “Leone Borrini” e sulla singolare vicenda del paese di Merizzo (vedi l’articolo apparso su Patria Indipendente), realizzando un archivio audiovisivo di circa 40 ore che presto sarà consultabile nella casa natale di «Ebio», oggi sede del Centro di Documentazione sull’Antifascismo e la Resistenza in Lunigiana “Edoardo Bassignani”. Nell’estate 2005, dall’archivio è stato tratto, in collaborazione con il regista Andrea Castagna, il film-intervista La collina rossa. Voci della Resistenza, di cui è possibile ascoltare alcune testimonianze nella sezione video del sito.

 

 

< Precedente



| area riservata | mappa del sito |
Concept and Design Webag.it
Archivio Video Archivio Video Archivio Video Archivio Video